Nella Terra di Mezzo...

La magia dei desideri realizzati, non è utopia, non sono loro a non esistere, ma siamo noi che li blocchiamo smettendo di crederci. (Ejay Ivan Lac)
 
IndiceCalendarioFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 La Dea Budicca

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Asineth
Admin
avatar

Messaggi : 972
Data d'iscrizione : 14.02.12
Età : 42
Località : Catania

MessaggioTitolo: La Dea Budicca   Gio Feb 25, 2016 5:35 pm


« Era una donna molto alta e dall’aspetto terrificante. Aveva gli occhi feroci e la voce aspra. Le chiome fulve le ricadevano in gran massa sui fianchi. Quanto all’abbigliamento, indossava invariabilmente una collana d’oro e una tunica variopinta. Il tutto era ricoperto da uno spesso mantello fermato da una spilla. Mentre parlava, teneva stretta una lancia che contribuiva a suscitare terrore in chiunque la guardasse. »

(Cassio Dione Cocceiano, Storia romana, 62, 2)

Boudicca o Boudica, Boudicca, Boadicea, Buduica, Bonduca, oltre a molte altre forme (33 – 60/61 d.C.) è stata una regina della tribù degli Iceni, che viveva nell’odierna zona di Norfolk (Inghilterra orientale). Guidò la più grande rivolta anti-romana delle tribù dell’isola.
Molti sono i modi in cui è stato tramandato il nome della regina, a causa di diverse corruttele presenti in molti manoscritti medioevali, ma è ormai abbastanza certo che la forma corretta sia Boudicca o Boudica, derivante dalla parola celtica *bouda, cioè vittoria (in irlandese *bua e in gallese *buddug).

Sulla base di Tacito, si pensa che Budicca fosse di famiglia nobile. A circa sette anni sarebbe andata a vivere con una seconda famiglia, presso cui rimase fino ai 14 anni circa. Fu in questo periodo che apprese storia, tradizioni, religione e cultura delle tribù celtiche e imparò l’arte militare. Attorno al 47 tornò a casa e la sua famiglia la diede in moglie all’iceno Prasutago. La coppia ebbe due figlie.
Prasutago sperava di lasciare il regno ai suoi familiari, nominando co-erede l’imperatore romano. Secondo il suo testamento, dunque, il regno doveva essere equamente diviso tra la moglie, le figlie e l’Impero Romano, a quel tempo comandato da Nerone. Era pratica normale di Roma concedere l’indipendenza ai regni alleati solo finché erano vivi i re clienti, che però dovevano lasciare in eredità a Roma i loro regni. La legge romana, inoltre, riconosceva validità solo all’eredità per linea maschile. Così, quando Prasutago morì, i suoi tentativi furono vanificati e il regno fu annesso dai Romani, come se fosse stato conquistato. Terre e proprietà furono confiscate e i nobili trattati come schiavi. Budicca protestò con forza: per tutta risposta, i Romani la umiliarono esponendola nuda in pubblico e frustandola, mentre le giovani figlie furono stuprate (Tacito).
La campagna contro Budicca, regina degli Iceni, nel 61
Nel 60 o 61, mentre il proconsole romano Gaio Svetonio Paolino stava conducendo una campagna contro i druidi dell’isola di Anglesey (Galles settentrionale), gli Iceni e i loro vicini, i Trinovanti, si ribellarono sotto la guida di Budicca, furiosa per l’affronto subito e desiderosa di vendetta. Il primo obiettivo dei ribelli fu la colonia romana di Camulodunum (odierna Colchester). In quella città c’era molto risentimento verso i Romani, perché i veterani avevano trattato con grande durezza la popolazione locale. Per questa ragione l’insediamento oppose una scarsa resistenza e gli ultimi difensori furono assediati nel tempio dedicato al divo Claudio, arrendendosi dopo due giorni. Il futuro governatore, Quinto Petillio Ceriale, al comando della VIIII Hispana cercò di riconquistare la città, ma fu sconfitto. L’esercito ribelle incendiò e rase al suolo anche Londinium (cioè Londra), abbandonata a sé stessa da Paolino, che non aveva sufficienti truppe per affrontare i ribelli. La stessa sorte toccò poi Verulamium (oggi St Albans). Il totale dei morti si aggirerebbe tra le 70.000 e le 80.000 persone.
Riorganizzate le truppe, Paolino si scontrò con Budicca nella battaglia di Watling Street (ubicazione sconosciuta e molto dibattuta). Nonostante fossero inferiori di numero, i Romani, sfruttando la loro superiorità tattica, sconfissero i ribelli. Budicca si avvelenò
Nel Medioevo la figura di Budicca fu dimenticata, tant’è che non compare in nessuna fonte. Ricomparve poi nel XVI secolo, dopo la riscoperta delle opere di Tacito e di Cassio Dione Cocceiano da parte di Virgilio Polidoro, anche se all’inizio si pensò che la “Voadicea” tacitina e la “Bunduica” dionea fossero due donne diverse. A partire dal XVII secolo la sua storia ispirò diversi autori. La sua fama raggiunse l’apice nell’Età vittoriana, quando divenne un’eroina e un importante simbolo culturale del Regno unito. La scrittrice inglese Manda Scott ha scritto un ciclo di romanzi basati sulla figura di Budicca. Su Budicca è stato pubblicato nel 2006 anche il romanzo La dea della guerra, quinto libro del Ciclo di Avalon di Marion Zimmer Bradley scritto in collaborazione con Diana L. Paxson. Un ulteriore romanzo su Budicca è stato scritto e pubblicato nel 2011 dal titolo Il vessillo di porpora di Massimiliano Colombo. Anche canzoni, film e serie televisive si sono ispirate alla sua figura. Ad esempio, la cantautrice Roisin Murphy le ha dedicato una canzone dal titolo Boadicea. Lo stesso ha fatto Enya, nell’album The Celts.

Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
 
La Dea Budicca
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Nella Terra di Mezzo... :: La Dea Madre-
Andare verso: