Nella Terra di Mezzo...

La magia dei desideri realizzati, non è utopia, non sono loro a non esistere, ma siamo noi che li blocchiamo smettendo di crederci. (Ejay Ivan Lac)
 
IndiceCalendarioFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi

Condividi | 
 

 Aes Sidhe e Daoine Sidhe, ovvero il Popolo Fatato

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Asineth
Admin
avatar

Messaggi : 995
Data d'iscrizione : 14.02.12
Età : 43
Località : Catania

MessaggioTitolo: Aes Sidhe e Daoine Sidhe, ovvero il Popolo Fatato   Dom Gen 18, 2015 7:33 pm




Nella mitologia irlandese gli Aos Sí (Gaelico antico, Aes Sidhe, pronunciato "Ess Shee"), sono una potente razza soprannaturale, paragonabile ai Nani e agli Elfi delle tradizioni Norrene o ai Fauni, alle Ninfe e ai Numi della tradizine Classico-Romana. Secondo la tradizione popolare, essi vivono solitamente nascosti sotto i tumuli sepolcrali, oltre il Mare Occidentale (in Irlanda soprattutto) o in un mondo invisibile che coesiste con il mondo degli umani (l'Altromondo, Otherworld). Nel Folklore Irlandese vengono chiamati anche Daoine Sidhe (Deena Shee).

Alcune fonti li descrivono come i sopravvissuti dei mitici Tuatha Dé Danann, i primi mitici abitatori dell'Irlanda, ritiratisi nell'Altromondo dopo che, secondo il "Lebor Gabala Érenn" ("Il Libro di Invasioni"), furono sconfitti in battaglia dai Milesi, i figli mortali di Mil Espáine.
Una clausola della resa trattata con i capi Milesi infatti, prevedeva che i sopravvissuti Tuatha Dé Danann andassero a vivere sotto ai "sidhe", ovvero le innumerevoli colline e tumuli che punteggiano il panorama irlandese. Ad ogni capo tribù dei Tuatha Dé Danann venne assegnato un preciso tumulo.
Il fatto che questi "sidhe" fossero stati in larga parte utilizzati come tumuli sepolcrali durante il periodo Neolitico, contribuì non poco a convincere le popolazioni Celtiche dell'isola che i resti rinvenuti in quei luoghi appartenessero ai mitici As Sidhe che vivono sotto di essi.

Nelle credenze e pratiche popolari, vengono spesso tributate piccole offerte agli Aos Sidhe, per cercare di ingraziarsi il loro favore, inoltre la gente è molto attenta a non recare loro offese o irritarli. Per queste ragioni spesso non vengono nominati direttamente, ma piuttosto con eufemismi come "The Good Neighbours", "The Gentry", "The Fair Folk" o seplicemente "The Folk", nella speranza che, sentendosi chiamare gentilmente dagli umani, sia più probabile che Essi siano gentili a loro volta.

I Fatati sono spesso feroci e pericolosi guardiani dei luoghi dove dimorano, sia che si tratti di una collina, un cerchio di pietre, un particolare albero (con una certa predilezione per i biancospini), un laghetto o un bosco. I passaggi tra il nostro e l'Altromondo sono più agibili in determinati momenti della giornata, all'alba e al crepuscolo, che sono quindi molto apprezzati dagli Aos Sidhe per le loro attività, come sono fondamentali, per lo stesso motivo, periodi dell'anno come Samhain e Midsummer (Solstizio d'Estate).

Generalmente gli Aos Sidhe vengono descritti come incredibilmente belli, ma ne esistono di tutte le taglie e le forme, alcuni anche decisamente orribili, per non parlare di quelli che hanno la capacità di mutare aspetto!

Nei posti dove si dice dimorino le Fate, alle volte pare sia possibile ascoltare la loro musica allegra, proveniente dalle loro abitazioni nascoste. Sembra che l'inconfodibile timbro della musica celtica, derivi proprio da questa musica fatata. Si narra infatti che un famoso arpista del 18° secolo, tale Turlough O'Carolan, si fosse un giono addormentato sopra a un tumulo. Al risveglio si rese conto di aver ricevuto dal Piccolo Popolo il dono della musica fatata





Come già accennato, il Popolo Fatato ama particolarmente gli alberi di biancospino, e spesso si raduna sotto i suoi rami. Questi alberi sono a volte circondati da un magico cerchio di fiori, e in Irlanda alcuni biancospini sono addirittura considerati sacri per questo motivo. Nel 1999 a Latoon, Contea di Clare, una strada in costruzione è addirittura stata deviata dal suo tracciato originale per non dover sradicare un biancospino solitario, che pare fosse frequentato dalle Fate. Se l'albero fosse stato abbattuto, si credeva che chi avesse guidato su quella strada avrebbe avuto sfortuna. Il folklore e le superstizioni dicono da sempre che è meglio non disturbare certi luoghi.

I Sentieri delle Fate, sono le strade che queste creature usano solitamente per spostarsi in tutta l'isola. Mai costruire una casa su uno di questi percorsi. Il modo migliore per evitare di farlo è conficcare dei pali ai quattro angoli del futuro perimetro della casa e lasciarli li per una notte. Se al mattino uno o più pali sono caduti, o sono stati spostati, non è cosigliabile costruire li, perchè probabilmente lo si farebbe su un Sentiero delle Fate. Chi decidesse di costruire nonostante tutto, lo farebbe a suo rischio e della sua famiglia, perchè le fate non gli darebbero pace.

Al giorno d'oggi, chi crde nelle Fate è spesso ritenuto un ignorante o uno stupido, perchè solo un ignorante o uno stupido lo ammetterebbe, secondo il modo di pensare di chi vive nel terrore di coprirsi di ridicolo. Tuttavia, molta gente sta bene attenta a non offendere il Piccolo Popolo e, non solo in Irlanda, sopravvivono rituali e scaramanzie ben più strani del fatto di credere a queste creature. Perciò, non sarà che certe cose fanno parte di noi, ridicole o meno? Io credo di si, fate comprese.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
 
Aes Sidhe e Daoine Sidhe, ovvero il Popolo Fatato
Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Crociati,celti,sciamani e Guzzi padana..il popolo leghista
» POPOLO LIBERTA' E POTERE
» sto cambiando
» Il tempo
» Tagesmutter: ovvero l'asilo condominiale

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Nella Terra di Mezzo... :: Il Piccolo Popolo-
Andare verso: