Nella Terra di Mezzo...

La magia dei desideri realizzati, non è utopia, non sono loro a non esistere, ma siamo noi che li blocchiamo smettendo di crederci. (Ejay Ivan Lac)
 
IndiceCalendarioFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 La Bibbia nata da uno studio attento sulla costellazione

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Asineth
Admin
avatar

Messaggi : 984
Data d'iscrizione : 14.02.12
Età : 43
Località : Catania

MessaggioTitolo: La Bibbia nata da uno studio attento sulla costellazione   Sab Dic 13, 2014 8:27 pm


Cerchiamo di capire le antiche simbologie cristiane per capire le origini delle religioni e dei culti.. Il sole...Sin da 10 mila anni prima di Cristo, la storia è ricca di sculture e scritture, che riflettono il rispetto e l’adorazione del sole e delle persone per questo oggetto. Ed è facile capire perché, dato che ogni mattina che il sole sorge, porta con se luce, calore e sicurezza, proteggendo l’uomo dalla fredda, buia, pericolosa oscurità della notte. Senza di esso, le antiche civiltà capirono che i raccolti non sarebbero cresciuti, e la vita sul pianeta non sarebbe più esistita. Queste realtà hanno fatto del sole l’oggetto più adorato di tutti i tempi. Allo stesso modo, erano anche molto coscienti delle stelle; il tracciamento delle stelle permise loro di riconoscere e anticipare eventi che si verificavano su lunghi periodi, come le eclissi e le lune piene. Catalogarono anche i gruppi celesti, in quelle oggi note come costellazioni. Questa è la croce dello Zodiaco, una delle immagini concettuali più antiche nella storia umana. Mostra il sole mentre, in modo figurato, passa attraverso le 12 maggiori costellazioni, nel corso dell’anno.

Mostra anche i 12 mesi dell’anno, le 4 stagioni, i solstizi e gli equinozi. Il termine (Zodiaco) è dovuto al fatto che le costellazioni furono antropomorfizzate, personificate, per mezzo di figure umane o animali. Quindi, le antiche civiltà non si limitarono soltanto a seguire il sole e le stelle, ma li personificarono con miti elaborati, rispecchiandone movimenti e relazioni. Il sole, grazie alle sue qualità di salvatore e portatore della vita, era personificato come rappresentante del Creatore invisibile, o Dio. Anche noto come ( Sole di Dio), ( Luce del mondo), (Salvatore dell’umanità). In modo analogo, le 12 costellazioni rappresentavano le tappe del viaggio del Sole divino, tappe che vennero identificate tramite dei nomi, di solito riferiti ad elementi naturali caratteristici dei quel periodo. Ad esempio, Acquario, il portatore d’acqua, che porta le piogge primaverili. Horus il dio egizio E’ il dio sole dell’Egitto del 3000 avanti cristo circa. E’ il sole, antropoformizzato, e la sua vita è una serie di mitologie allegoriche che hanno a che fare con i movimenti del sole nel cielo. Sappiamo molto di questo Messia solare, grazie agli antichi geroglifici egiziani. Per esempio Horus, che rappresenta il sole, o la luce, aveva un nemico, Set, e Set era la personificazione dell’oscurità, o della notte. Metaforicamente, ogni mattina Horus vinceva la battaglia contro set, mentre la sera, Set sconfiggeva Horus, scagliandolo verso gli inferi. E’ importante notare che (oscurità vs. luce) o ( buono vs. cattivo), è una delle più usate dualità mitologiche mai conosciute, e viene ancora espressa a vari livelli ai giorni nostri. In generale, la storia di Horus è la seguente. Horus nasce il 25 Dicembre dalla vergine Isis-Meri. La sua nascita fu annunciata da una stella nell’Est, che tre Re seguirono per trovare e adorare il nuovo Salvatore. All’età di 12 anni fu un insegnante prodigio, e a 30 anni venne battezzato da una figura di nome Anup, ed ebbe così inizio il suo ministero. Horus aveva 12 discepoli che viaggiavano con lui, ed eseguiva miracoli come curare i malati e camminare sull’acqua. Horus era conosciuto con molti nomi gestuali, come (Verità), (Luce), (Sacro Figlio di Dio), (Buon Pastore), (Agnello di Dio), e molti altri.

Tradito da Typhon, Horus fu crocefisso, sepolto per 3 giorni, e poi, resuscitò. Queste qualità di Horus, originali o meno, sembrano essere presenti in molte altre culture nel mondo, dato che esistono molte altre divinità aventi la stessa struttura mitologica generale.

Attis di Frigia, nato dalla vergine di nome Nana il 25 dicembre, crocifisso, sepolto, e dopo 3 giorni, fu resuscitato.

Krishna, (analogie) India, nato dalla vergine Devaki con una stella premonitrice dell’Est, compiva miracoli con i suoi discepoli, In alcune tradizioni egli morì su una pianta, in altre, morì trafitto da una freccia nel tallone, suo punto debole. Dopo la sua morte, pare intorno all’età di 30 anni, il sole si oscurò, poi risorse...

(Dionysus) Dioniso, della Grecia, nato da una vergine il 25 dicembre, fu un insegnate itinerante, compiva miracoli, come tramutare l’acqua in vino, era chiamato (Re dei Re), (Figlio Unigenito di Dio), (Alpha e Omega), e in molti altri modi, e, a seguito della sua morte, risorse.....

Mitra, della Persia, nato da una vergine il 25 dicembre, aveva 12 discepoli e compiva miracoli, e alla sua morte fu sepolto per 3 giorni, dopo i quali resuscitò. Era anche noto come (Verità), ( Luce), e molti altri nomi. Interessante notare che il giorno sacro dedicato a Mitra, era la domenica.

Il punto è che vi sono numerosi Salvatori, in differenti periodi, da tutto il mondo, che mantengono queste caratteristiche generali. Rimane la domanda: perché queste caratteristiche, perché la nascita da una vergine il 25 dicembre, perché la morte per tre giorni e l’inevitabile resurrezione, perché i 12 discepoli o seguaci? Per scoprirlo, esaminiamo il più recente dei Messia solari. Gesù Cristo, secondo la Chiesa (ma fu attribuito questo giorno per impedire il rito pagano del culto del sole nascente) nacque dalla vergine Maria il 25 dicembre a Betlemme, la sua nascita fu annunciata da una stella nell’est, che tre RE, o Re Magi, seguirono per trovare e adorare il nuovo Salvatore. All’età di 12 anni fu un insegnante prodigio, a 30 anni fu battezzato da Giovanni Battista, dopo il quale cominciò la sua predicazione. Gesù aveva 12 discepoli, compiva miracoli come guarire i malati, camminare sull’acqua, destare i morti, era anche noto come (Re dei Re), (Figlio di Dio) (Luce del mondo), (Alfa e Omega), (Agnello di Dio) e molti altri. Tradito dal discepolo Giuda e venduto per 30 denari d’argento, fu crocifisso (usanza romana presa dagli antichi egizi), sepolto in una tomba, e dopo 3 giorni, resuscitò e ascese al cielo. Prima di tutto, la sequenza della nascita è completamente astrologica. La stella dell’Est è Sirio, la stella più luminosa della notte, che il 24 dicembre, si allinea con le tre stelle più luminose della Cintura di Orione. Queste 3 stelle sono chiamate come venivano chiamate nell’antichità: I tre Re. I tre Re e la stella più luminosa, Sirio, puntano tutte verso il luogo in cui sorge il sole il 25 dicembre. Questo è il motivo per cui i Tre Re seguono la stella dell’Est (Sirio), al fine di individuare il luogo in cui è nato il sole.


La vergine Maria è la costellazione di Virgo, nota anche come (Virgo la Vergine), Virgo in latino significa (vergine). L’antico simbolo di Virgo è la lettera (m) alterata. Questa è la ragione per cui Maria, assieme alle altre madri vergini, come Myrra, la madre di Adone, o Maya, la madre di Budddha, hanno come iniziale la lettera (M). virgo a volte viene anche chiamata (Casa del Pane), e la rappresentazione di Virgo è una vergine con un fascio di grano. Questa (Casa del Pane) ed il simbolo del grano, rappresentano i mesi di Agosto e Settembre, il periodo della raccolta. Inoltre Betlemme, di fatto, si traduce letteralmente con “Casa del Pane”. Quindi Betlemme è un riferimento alla costellazione Virgo, un luogo in cielo, non sulla terra. Vi è un altro fenomeno interessante che avviene attorno al 25 dicembre, o nel solstizio d’inverno. Dal solstizio d’estate al solstizio d’inverno, le giornate diventano sempre più brevi e rigide. Osservando dall’emisfero nord, il sole sembra muoversi verso sud, diventando sempre più piccolo e flebile. Le giornate più corte e la fine dei raccolti, verso il solstizio d’inverno, simboleggiavano per gli antichi il processo della morte. Era la morte del sole... Entro il 22 dicembre, la morte del sole era pienamente compiuta, e dato che il sole si muove verso sud continuamente per 6 mesi, è anche il giorno in cui si trova nel suo punto più basso. Ora accade una cosa strana. Il sole smette di muoversi verso sud, almeno in modo sensibile, per 3 giorni. Durante questa pausa di 3 giorni, il sole risiede nelle vicinanze della costellazione della Croce del Sud, o della Croce. E dopo questo periodo di tempo, il 25 dicembre, il sole si muove di 1 grado, stavolta verso nord, portando giorni più lunghi,calore, e la primavera. Per questo motivo si diceva: il sole è morto sulla croce, è rimasto morto per 3 giorni, per poi risorgere o rinascere. Questa è la ragione per cui Gesù e numerose altre divinità solari hanno in comune la crocifissione, la morte per 3 giorni, e la resurrezione. E’ il periodo di transizione dopo il quale il sole cambia direzione verso l’emisfero nord, portando la primavera, e dunque la salvezza. Tuttavia, non si celebrava la resurrezione del sole, se non fino all’equinozio di primavera, o Pasqua. Questo è dovuto al fatto che nell’equinozio di primavera, il sole annienta ufficialmente le tenebre, le giornate diventano in seguito più lunghe in durata rispetto alla notte, e riemergono le condizioni rivitalizzanti della primavera. Ora, probabilmente il più evidente di tutto il simbolismo astrologico attorno alla figura di Gesù, risiede nella figura dei 12 discepoli. Sono semplicemente le 12 costellazioni dello Zodiaco, con le quali Gesù, essendo il sole, si accompagna nel suo viaggio. Infatti il numero 12 è ripetuto molte volte in tutta la Bibbia... 12 tribù di Israele; 12 fratelli di Giuseppe; 12 giudici di Israele; 12 profeti del vecchio testamento; 12 Rè di Israele; 12 principesse di Israele ; Gesù nel tempio a dodici anni. Questo libro ha molto più a che fare con l’astrologia che con qualsiasi altra cosa. Tornando alla croce dello Zodiaco, ovvero alla vita metaforica del sole, questa non era soltanto un’espressione artistica, o uno strumento per tracciare i movimenti del sole. Era anche un simbolo spirituale pagàno, la cui versione semplificata era simile a questa. Questo non è un simbolo cristiano. E’ l’adattamento pagàno della croce dello Zodiaco....


Ecco perché Gesù, nelle prime arti mistiche, viene sempre raffigurato col volto davanti alla croce, dato che Gesù è il Sole, il (sole Divino), la (Luce del Mondo), il (Salvatore Risorto), colui che ritornerà, come avviene ogni mattina, la Gloria di Dio, che protegge dall’operato delle tenebre, rinascendo dall’alto ciascuna mattina, e può essere visto (venire dalle nubi), (alto nel cielo), con la sua (corona di spine), o raggi solari. Ora, tra le molte metafore astrologiche, astronomiche, presenti nella Bibbia, una delle più importanti ha a che vedere con le Ere. In tutte le Sacre Scritture vi sono numerosi riferimenti alla (Era). Occorre comprendere il fenomeno noto come la (precessione degli equinozi). Gli antichi Egizi, così come altre civiltà molto prima di loro, capirono che all’incirca ogni 2.150 anni, all’alba dell’equinozio di primavera, il sole sorge in corrispondenza di un diverso segno dello Zodiaco. Questo è dovuto alla lenta rotazione angolare che la terra mantiene ruotando sul proprio asse. Questo viene chiamato “ precessione” poiché le costellazioni si muovono a ritroso, piuttosto che seguire il normale ciclo dell’anno. Per attraversare tutti e 12 i segni dello Zodiaco, la precessione degli equinozi richiede all’incirca 25.765 anni, detto anche “ Grande Anno”, e le antiche civiltà come i Maya e i sumeri, questo lo sapevano molto bene. E si riferivano a ciascun periodo di 2.150 anni come ad una “Era”. Dal 4.300 avanti cristo fino al 2.150 avanti cristo vi su l’era del Toro. Dal 2.150 avanti cristo fino al 1.dopo cristo vi fu l’era dell’Ariete, e dal 1 dopo cristo fino al 2.150 dopo cristo vi è l’età dei Pesci, L’era attualmente in corso. E attorno al 2.150 dopo cristo, entreremo nella nuova Era, l’era dell’Acquario.... Ora, la Bibbia riflette, in generale, un moto simbolico attraverso 3 ere, prevedendone una quarta. Nell’antico Testamento, quando Mosè scese dal monte Sinai con i 10 comandamenti, rimase sconvolto nel vedere la propria gente adorare un vitello dorato. Infatti, frantumò le tavole di pietra, e ordinò alla propria gente di uccidersi l’un l’altro così da purificare loro stessi. La maggioranza degli studiosi di tesi biblici attribuisce tale collera di Mosè, al fatto che gli israeliti stessero adorando un falso idolo, o qualcosa di simile. In realtà il toro dorato si riferisce all’età del Toro, mentre Mosè rappresenta la nuova età dell’Ariete. Questo è il motivo per cui gli Ebrei suonano ancora oggi il Corno d’Ariete. Mosè rappresenta la nuova età dell’Ariete, e nella nuova era, tutti devono liberarsi di quella precedente. Anche altre divinità rimarcano queste transizioni, come Mitra, divinità precristiana che uccise il Toro, con la stessa simbologia. Ora, Gesù è la figura che subentra a quella dell’Ariete nell’era successiva, l’età dei Pesci, o dei Due Pesci. Il simbolismo del pesce è molto presente nel Nuovo Testamento, come quando Gesù sfamò 5.000 persone con pane e “2 pesci”. In cammino verso la Galilea, all’inizio della sua predicazione, aiutò 2 pescatori, che lo seguirono. Credo che abbiamo notato tutti il simbolo del pesce. In pochi conoscono il suo reale significato. E’ un simbolo astrologico pagano, per il Regno Solare, durante l’età dei Pesci. La presunta data di nascita di Gesù coincide essenzialmente con l’inizio di questa Era... In Luca 22:10, quando i discepoli chiedono a Gesù dove si terrà la prossima Pasqua dopo che lui se ne sarà andato, Gesù risponde: “ guardate, quando voi entrerete nella città, vi verrà incontro un uomo che porta una brocca d’acqua..(seguitelo nella casa dove entrerà). Questo passo è uno dei più rivelatori tra tutti i riferimenti astrologici. L’uomo che porta una brocca d’acqua è Acquario, il portatore d’acqua, sempre raffigurato come un uomo che versa una brocca d’acqua. Acquario rappresenta l’Era successiva a quella dei Pesci, e quando il sole( Sole di Dio) abbandona l’Età dei Pesci ( Gesù), entrerà nella casa dell’acquario, dato che Acquario subentra ai Pesci nella precessione degli equinozi. Gesù sta soltanto dicendo che dopo l’Era dei Pesci vi sarà l’Era dell’acquario... Abbiamo tutti sentito parlare dei tempi finali e della fine del mondo. A parte il ritratto fumettistico presente nell’Apocalisse, la fonte principale di questo concetto viene da Matteo 28.20, in cui Gesù dice: “ Io sarò con voi fino alla fine del mondo”. Tuttavia, nella versione autorizzata della Bibbia, la parola “mondo” è un’errata traduzione, uno dei molti errori di traduzione presenti. In realtà la parola utilizzata è “ Aeon”, che significa “ ERA”. Matteo 28:20 “Io sarò con voi fino alla fine dell’ERA.”

Vero, poiché la personificazione dell’Età dei Pesci nel Gesù-Sole, terminerà quando il Sole sarà entrato nell’Età dell’Acquario. L’intero concetto di tempi finali e di fine del mondo è una allegoria astrologica male interpretata.... Diciamolo ai milioni di persone che credono che la fine del mondo sia vicina. Inoltre, la figura di Gesù, come ibrido astrologico e letterario, è un plagio molto esplicito del Dio Sole egiziano Horus. Ad esempio, sulle mura del tempio di Luxor in Egitto, da oltre 3.500 anni fa, sono presenti immagini relative all’Annunciazione, all’Immacolata Concezione, alla nascita e all’adorazione di Horus. Gli affreschi iniziano con l’annuncio di Thaw alla vergine Iside, riguardo al suo futuro concepimento di Horus, poi Nef, lo Spirito Santo che rende feconda la vergine, e in seguito l’Immacolata Concezione, e l’adorazione. Questa è esattamente la storia del miracolo del concepimento di Gesù. Di fatto, le analogie letterali tra la religione Egiziana e quella Cristiana, sono sconcertanti. E il plagio non si ferma qui. La storia di Noè e dell’Arca di Noè è presa direttamente dalla tradizione. Il concetto del Diluvio Universale è onnipresente nel mondo antico, con più di 200 diversi riferimenti in periodi e tempi differenti. Tuttavia, nella ricerca di una fonte pre-Cristiana, basta soffermarsi sull’Epopea sumera di Gilgamesh, scritta nel 2.600 avanti cristo. Questo poema narra di un Grande Diluvio, diretto da Dio, un’Arca con animali da salvare al suo interno, e persino la liberazione e il ritorno di una colomba, tutti aspetti in comune con la storia biblica, tra le molte altre analogie presenti. E poi vi è la storia plagiata di Mosè. Riguardo alla nascita di Mosè, si dice che sia stato adagiato in una cesta di canne e posato sulle acque di un fiume, in modo da sfuggire all’infanticidio. Venne poi raccolto da una figlia della nobiltà, e da lei cresciuto come un Principe. Questa storia è stata completamente plagiata dal mito di Sargon di Accadia, del 2.250 avanti cristo circa. Dopo la nascita, Sargon venne adagiato in una cesta di canne, per evitare l’infanticidio, e quindi posato sulle acque del fiume. Venne poi raccolto e cresciuto da Akki, ostetrica della famiglia reale. Inoltre, Mosè è noto come il Donatore della Legge, ovvero colui che ha dato i Dieci Comandamenti, la Legge Mosaica. Tuttavia, l’idea di una legge divina trasmessa su un molte ad un profeta, è anch’essa un tema ricorrente molto antico. Mosè è soltanto uno tra i tanti donatori della legge della storia mitologica. In india, Manou era il grande Donatore della Legge. A Creta, Minos salì sul Monte Dicta, dove Zeus gli consegnò le Leggi sacre. E in Egitto vi fu Mises, che portò le tavole di pietra con incisevi sopra le leggi di Dio. Manou, Minos, Mises, Mosè. Riguardo ai Dieci Comandamenti, sono stati del tutto ripresi dalla formula n.125 del Libro della Morte egiziano..Ciò che nel Libro della Morte era formulato come (Io non ho rubato) diventa (Tu non ruberai), (Io non ho ucciso) diventa (Tu non ucciderai), (Io non ho mentito) diventa (Tu non farai falsa testimonianza), e così via. Di fatto, la religione Egiziana costituisce probabilmente il principale fondamento per la teologia Giudaico-Cristiana. Battesimo….Vita dopo la morte…Giudizio finale..Immacolata concezione….Resurrezione…Crocifissione…Arca dell’alleanza..Circoncisione…Salvatore..Santa eucarestia…Diluvio universale…Pasqua…Natale…Ascesa al Cielo…(Pasqua Ebraica) e molti molti altri, sono tutti elementi di matrice egiziana, risalenti a molto prima della nascita della religione Cristiana ed Ebraica. Giustino il Martire, uno dei primi storici e difensori Cristiani, scrisse: “ Quando noi diciamo che Lui, Gesù Cristo, il nostro Maestro, non è nato da unione sessuale, è stato crocifisso, morto, poi risorto, e infine asceso al cielo, non diciamo nulla di diverso da ciò che dicono coloro di voi che si considerano Figli di Giove.” In un altro scritto, Giustino disse: (Lui è nato da una vergine, accettatelo allo stesso modo con ciò che credete del (Dio) Perseo.) È chiaro che Giustino e i primi Cristiani sapessero quanto il Cristianesimo fosse simile alle religioni pagàne. Tuttavia, Giustino aveva una soluzione. Per quanto gli riguardava, era il Diavolo la causa di questo. IlDiavolo ebbe l’accortezza di precedere la venuta di Cristo, allo scopo di creare queste stesse caratteristiche nel mondo pagàno. Cristianesimo fondamentalista. La Bibbia non è altro che un ibrido letterario astro-teologico, esattamente come quasi tutti i miti religiosi venuti prima. Di fatto, il trasferimento degli attributi di un personaggio in uno nuovo, può essere ritrovato nella Bibbia stessa. Nel Vecchio Testamento vi è narrata la storia di Giuseppe (Vecchio Testamento) fu il prototipo della figura di Gesù. Giuseppe nacque da una nascita miracolosa, Gesù nacque da una nascita miracolosa.


Giuseppe faceva parte di 12 fratelli, Gesù aveva 12 discepoli. Giuseppe venne venduto per 20 monete d’argento, Gesù venne venduto per 30 monete d’argento. Il fratello Giuda propose la vendita di Giuseppe, il discepolo Giuda propone la vendita di Gesù. Giuseppe cominciò la sua attività all’età di 30 anni, Gesù cominciò la sua attività all’età di 30 anni. Le analogie potrebbero continuare a lungo. Inoltre, esistono prove storiche, non bibliche, di una qualsiasi persona vissuta col nome di Gesù, Figlio di Maria, che viaggiava assieme a 12 discepoli, guariva le persone, e così via? Vi furono numerosi storici che vissero nella o nei pressi dell’area Mediterranea, sia durante, che subito dopo la presunta vita di Gesù. Quanti di questi storici documentano la sua figura? Nemmeno uno! Tuttavia, a dire il vero, questo non significa che i difensori della figura storica di Gesù non abbia sostenuto il contrario. Per comprovare l’esistenza di Gesù vengono di solito citati quattro storici: Plinio il Giovane, Svetonio e Tacito sono i primi tre. Ciascun riferimento consiste solo, nel migliore dei casi, in poche frasi, e relative soltanto alla parola “Cristus” o “ Cristo”, che di fatto non rappresenta un nome, ma un aggettivo. “ Cristo” significa “ il Messia”. La quarta fonte è Giuseppe Flavio, fonte rivelatasi falsa, da centinaia di anni. Purtroppo, viene ancora considerata veritiera.

Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
 
La Bibbia nata da uno studio attento sulla costellazione
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Considerazioni sulla Bibbia
» un ateo può rifiutare di giurare sulla bibbia??
» Tr. Bibbia: I Lettera ai Tessalonicesi (Completa)
» Interpretazione della Genesi e il rapporto fra Bibbia e scie
» la bibbia del BARBECUE

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Nella Terra di Mezzo... :: Non Siamo Soli-
Andare verso: